martedì 27 gennaio 2009

Sablés all'arancia, tè all'osmanto, teiere in vetro...


Un biscotto speciale per un tè speciale....
I sablés sono davvero una mia grande passione, sia nella versione più ortodossa, che in quelle più estrose, come il famosissimo sablé al cioccolato e fior di sale del grande Pierre Hermé, o quelli al matcha, di cui circolano ormai varie versioni, tutte buonissime.
Devo dire che l'aggiunta della scorza di arancia ha dato ai miei biscotti un profumo davvero gradevole....quale migliore scusa per fare un po' di pausa e godersi un tè all'Osmanto?


Il tè all'Osmanto è per me una scoperta recente: di tè ai fiori ce ne sono davvero tantissimi...e non è che siano sempre di ottima qualità! Infatti, sin dall'antichità, si usava profumare con fiori diversi i tè più scadenti, per aumentarne il pregio...Oltretutto io appartengo alla schiera dei puristi del tè: niente latte, zucchero o limone, per gli Assam o i Darjeeling di alta qualità: e per i tè verdi ed i bianchi l'imperativo si fa ancor più assoluto....la semplicità, quando il tè sia sublime, è la miglior cosa: il tè è come una donna bellissima: bastano un tubino nero ed un filo di trucco a valorizzarla...ogni dettaglio sarebbe superfluo, e distoglierebbe dalla persona, togliendole carattere e carisma....
Ma ci sono alcune miscele che amo nonostante siano aromatizzate, come l'Earl Grey, il Goute Russe, il Sacher....lì la mano di un grande maestri ha saputo trovare l'equilibrio. Anche moderni maestri come Alfredo Carrai de "la Via del Tè" sono riusciti ad ottenere specialissime miscele, come il bancha alla vaniglia, che amo comunque riservare ad occasioni speciali....
Tutto questo per dire che i tè aromatizzati di solito non sono nelle mie corde: ma...
C'è sempre un ma....
Quando abbiano come base un ottimo tè, e la miscela sia sapiente, e fatta con fiori di alta qualità, si hanno risultati sorpredenti: come nel caso di molti tè al gelsomino ( Moli-Cha), di alcune miscele alla rosa, di altre al crisantemo; e come nel caso del tè all'osmanto, tè che fino a poco fa era, per me, uno sconosciuto....

Il nome della pianta è tutto un programma : "Osmà", profumo in Greco: "Anthos", fiore...Si tratta di un bellissimo, compatto arbusto : nella varietà "Auranthiacus" ,i suoi piccolissimi fiori arancio chiaro rilasciano un aroma simile a quello delle albicocche, o del miele, nella nostra tazza....
Io ho voluto rinnovare la tazza che la mia mamma mi ha regalato per il compleanno: un fiore per un tè ai fiori!

( P.S. Special guests: due minuscoli fiorellini di osmanto sfuggiti al colino di bambù, che se la godono nell'immensa piscina! Ma ancora per poco...)


Per godere ancor di più delle piccole infiorescenze e dell'oro dell'infuso, ho utilizzato una delle mie teiere in vetro...Ve la presento, come feci a suo tempo con Soeur Thérèse...


Lei è Pompadour...L'ho comprata in Francia l'anno scorso,e l'ho chiamata così in omaggio a quella "ragazza bene educata, saggia, amabile, piena di grazia e di talento ", come la definì a suo tempo Voltaire, che divenne l'amante di Luigi XV. Aggraziata ed avvenente con le sue curve armoniose, ma profondamente pratica, moderna e schietta nel rivelare ogni suo contenuto, Pompadour riflette quella donna modernissima che fu la sua omonima...Sembra fragilissima, ma è estremamente forte e resistente :ed è la mia finestra sul tè.... niente le sfugge: attraverso di lei, posso godere dell'apertura delle foglie che, stropicciate e rinsecchite, al contatto con l'acqua paiono riprender vigore , come se nuova linfa scorresse dentro di loro....

Sua compagna e sorella minore è Beaubourg...


L'ho chiamata così perchè pare che qualcuno l'abbia creata assemblando tubi e tubicini di vetro: e mi ricorda, perciò, l'avveniristica creazione parigina....
Renzo Piano e l'équipe che con lui presentò nel 1971 questo impavido progetto, vollero che ciò che negli edifici è di solito nascosto ( gli impianti idrici, quelli elettrici, le tubature... ) venisse esternato, anzi, esaltato ad elemento architettonico ed ornamentale, con colori che differenziassero le funzioni di ogni elemento ( blu per i tubi dell'acqua, giallo per le condutture elettriche, rosso per ascensori e scale mobili....)
Anche la mia piccola , nodosa Beaubourg esprime ciò che ha dentro: e fa sbocciare davanti ai miei occhi fiori di tè verde, con cuori di gelsomino e di amaranto.....anima festosa di piccola teiera!


SABLES ALL'ARANCIA dal libro Cakes, Biscuits et Gateaux, ed. Marabout

175 g di farina
200 g di farina per polenta fine ( tipo fioretto...)
100 g di zucchero a velo
100 g di burro ammorbidito
3 cucchiaini di scorza di arancia grattugiata ( attenzione a non grattugiare la parte bianca: è amara! )
2 uova intere

Riscaldate il forno a 190°.
Mettete tutti gli ingredienti in un robot, e frullate sino a che non si formerà una pasta morbida e liscia.
Siccome il robot avrà riscaldato gli ingredienti, fate riposare la pasta per una mezz'ora in frigo, avvolta nella pellicola, perchè riprenda compattezza.
Imburrate bene una placca da forno: fate dei dichi di pasta che appiattirete ulteriormente con la punta delle dita inumidite sulla placca stessa: non dovranno risultare comunque, dei biscotti troppo sttili...
Infornate: il tempo di cottura è di circa 15 minuti: dipende dalla grandezza del sablé, dal forno ( se ventilato o no...): coimunque la spia che sono cotti è il bordo: dovrà dorarsi bene...
Mettete a raffreddare su una gratella i biscotti, dopo averli tolti con una spatola.
Se farete una seconda infornata, ricordate di imburrare ancora la placca...


32 commenti:

Mary ha detto...

questo tipo di biscotto va piu che bene da accompagnare una tazza di tè al pomeriggio , baci!

Denise ha detto...

Fortissimo il fiore che si apre nella teiera, l'ho visto dal vivo a capodanno...troppo forte!!! Buoni i biscottini!

Carolina ha detto...

Il tè all'osmanto è a me cosa (o meglio tè) sconosciuto... Ma con il tuo post mi sono fatta una discreta cultura in materia. Come dico spesso le foodbloggers ne sanno una più del diavolo! Visto che sono le 16:30 me lo prepari un teino? Giusto il tempo di salire in macchiane e sono da te per inzuppare quei meravigliosi sablés all'arancia nel tuo particolare tè...
Sei una risorsa cara Romina!
Buon tè delle 5!

Elena ha detto...

TUTTO HA UN NON SO CHE' DI ROMANTICO, Che brava che sei Romy...

Mariluna ha detto...

io...assolutamente. Versami un po' di questo té che dovro' ancora conoscere e un biscotto, anzi due bastano per potermi rilassare e godere quattro chiacchiere con un'amica...grazie perché so' che lo farai davvero!!!!
:)***

Onde99 ha detto...

Leggerti è sempre una sorpresa e una magia: mi piace immaginare che entrare in casa tua sia come entrare nell'armadio e, attraverso di esso, approdare a Narnia, ma senza strega cattiva. A te che ami tanto il the dedicherò uno die miei prossimi post, sperando di esserti anch'io d'ispirazione, come lo sono per me i tuoi sablés :-) Ah, ti ho scritto!

Francesca ha detto...

Ciao Romy, mi chiamo Francesca, non ci conosciamo ma siccome il tuo blog è irresistibile, mi sono iscritta.
Ho apprezzato tantissimo la tua idea di commemorare con una ricetta ebraica!
Per quanto riguarda i sablés all'arancia...non vedo l'ora di provarli, devono essere squisiti! Che simpatica la sfilata delle tue mesdames Teiere!

kristel ha detto...

I sablés sono perfetti col tè. Adoro i tè ma l'osmanto non lo conosco. In ogni caso il suo signifaicato é molto bello.
Bacioni!!

Mirtilla ha detto...

cosa c'e' di meglio di una calda e gustosa tazza di te in compagnia di una buona amica e qualche biscottino di quelli che hai preparato?!!

Laura ha detto...

l'arancio valorizza molto il tè e anche se non conosco il tè all'osmanto sono sicura che sia stata una coppia vincente!! Chissà che buoni!

Simo ha detto...

Vorrei proprio tanto essere io una di quelle in tua compagnia......
bacione

lacucinaincantata ha detto...

Romy ,venire a trovarti, e' come aprire la porta di casa in un posto completamente diverso, tutte le mattine...
sei fantastica...
per natale ho ricevuto anche io tre tipi di the che racchiudono un fiore,pero' non mi attento a berlo..e' bevibile o rischio la lavanda gastrica???
un bacio dolcissima Romy,
anna maria

Elga ha detto...

Non conoscevo assolutamete l'osmanto ne tanto meno un tè che lo contenesse! Interessante:))

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Raffinatissima, tra profumi, trasparenze, porcellane e sablè :-) Posso raggiungerti per l'ora del tè? :-)

manu e silvia ha detto...

Ciao! passi per il te, che poer quanto possa averci interessato il tuo particolare racconto...non ci piace poi tanto...ma ti facciamo volentieri conmagnia con i sablès...sembrano buonissimi!!belle anche le teiere...
bacioni

Camomilla ha detto...

Ciao cara! Mi stai aprendo un nuovo mondo, fatto di sapori e profumi per me sconosciuti... Fantastici i sablés all'arancia, brava!
Un abbraccio!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

che bello riscoprire delle tradizioni come quelle del the e poi con tutti i dettagli che hai aggiunto...e i biscotti???eccezionali,baci imma

a.o. ha detto...

Cara Romy, mi fermo solo un istante per salutarti e per dirti che Chez Moi diventa sempre più bello: sostare da "tè" è un vero piacere.
a.o.

Romy ha detto...

@ Mary Giusto....è perfetto perchè non è eccessivamente dolce, e quindi non copre il delicato aroma del tè...e poi ha quella consistenza leggerissimamente scrocchievole...che ti fa venire l'acquolina! baci :-)

@ Denise Che belli, hai visto? Ce ne sono di tantissimi tipi: addirittura, tempo fa, avevo scovato un sito, Mystic Temple o qualcosa del genere, dove ne vendevano alcuni che erano dei capolavori, delle vere opere d'arte! Se poi vai su U-Tube, ci sono tantissimi filmati che ti fanno assistere all'apertura dei fiori di tè! Un abbraccio :-)

@ Carolina Certamente! Oggi alle 5, quando berrò il mio tè, ti penserò...Buona giornata e grazie mille dei complimenti! :-)

@ Elena Beh...devo ammetterlo....io sono molto, a volte troppo romantica....piango davanti ai film, sogno ad occhi aperti, e se non fossi certa di far ridere, me ne andrei vestita tutta pizzi e merletti e cappellini...hai presente i meravigliosi abiti di "Ragione e Sentimento"? Ecco....proprio quelli! Ti abbraccio :-)

@ Mariluna Vedo che mi conosci bene! Potessi avere il teletrasporto, arriverei da te in un battibaleno, con un vassoio dei miei biscottini! Un bacione grande, cara Mariluna! :-)

@ Onde99 Eccola,Ondina! Sì, ho visto...ti rispondo prima che posso...Sono curiosa di vedere cosa ti inventerai: leggerti è sempre un grandissimo piacere! Ti abbraccio forte! :-))

@ Francesca Ciao, Francesca! Piacere di fare la tua conoscenza!Sono solita offrire,anche solo per gioco e per sogno, qualcosa a chi mi viene a trovare per la prima volta...a te offro l'ultima, preziosissima fetta della Tarte Tatin che ho fatto ieri sera...con un buon tè Darjeeling! Sono appena andata a fare un giretto nel tuo blog, anzi, nei tuoi blog: sono giovanissimi, ma già traspare una personalità davvero interessante...Quindi...mi sono iscritta anche io! Brava davvero...un saluto affettuoso! :-)

@ Kristel Ciao! Sì, è vero: i sablés sono davvero buoni, e devo dire che questa sfumatura di arancia li impreziosisce davvero molto....Buonissima giornata! :-)

@ Mirtilla Sante parole! Un momento così, può essere un attimo di felicità perfetta: la buona compagnia, i dolcetti, il tintinnìo delle porcellane, l'oro e il vapore del tè, la tovaglia bianca, le chiacchiere, le risate....un pomeriggio così può rimanere nel cuore per tanto, tanto tempo...Bacioni :-)

@ Laura L'osmanto ha un profumo delicatamente fruttato, come di albicocca, ma con un tocco vellutato di miele...comunque il tè di questo tipo, specialmente il Sweet Osmanthus, è davvero delicato: non è aromatizzato in maniera "brutale",ma ha solo una dolce sfumatura...che si abbina molto bene proprio alla frutta, o anche, credo, alle mandorle...Un abbraccio :-)

@ Simo Che carina che sei...Un bacione grande! :-)

@ Lacucinaincantata Cara Anna Maria...certo che è bevibile! Ho capito bene...sono delle palline che si schiudono a formare un fiore di tè? Se sì, per goderne appieno mettile in una teiera o in una tazza di vetro...la temperatura di infusione deve essere abbastanza alta per farli aprire, ma non altissima....circa 70/80 gradi....e puoi fare svariate infusioni con lo stesso fiore! Se non si tratta di questi ,per qualsiasi consiglio sono a disposizione, per quello che so e se tu vorrai...Bacioni! :-)

@ Elga Bene! I nostri blog servono proprio a questo: a scambiarci idee, conoscenze, pensieri...anche io tu sapessi quante cose imparo, girellando nei blog! Un saluto affettuoso: buona giornata! :-)

@ Twostella Non vedo l'ora....A quando un'altra raccolta sul tè? Mi è piaciuta talmente tanto quella dell'anno scorso...Bacioni :-)

@ Manu e Silvia Beh...pazienza! Vorrà dire che vi farò un buon caffè ,coi sablés...e che anche io farò uno strappo alla regola! Un bacione stereo! :-)

@ Camomilla Ti abbraccio anche io...sono tanto contenta che ti piaccia leggere il mio blog! Mi fai proprio felice... :-)

@ Dolci a go-go Ciao, Imma! Mi sembra...o è la prima volta che lasci un commento? Se no...bentrovata! Se sì...benvenuta! Ti offro virtualmente una bella cioccolata calda con panna, e ti ringrazio delle tue parole gentili! Baci anche a te! :-)

@ Aiuola Odorosa Ciao! Come sono contenta di sentirti! Come va? Spero bene! Sono lusingata che con tutto il daffare che hai tu abbia pensato di farmi una visitina...grazie mille, e bacioni! :-)

Kja ha detto...

Delicata e tenera la tua similitudine tra il te` e la bella donna che non ha bisogno di artifici per essere apprezzata. Invece l'osmanto ha un aroma che purtroppo non amo molto, per i te` floreali vado di gelsomino, e` lui il mio tubino nero ;)

Susina strega del tè ha detto...

delizioso post... ^_^
ho appena lanciato una raccolta a tema insalate, mi farebbe piacere che tu partecipassi!! Ti aspetto!!

Pippi ha detto...

ok mi hai convinta vengo da te a prendere un te! assolutamente siiiii! poi il modo il cui 'spieghi' i vari tipi di te le varie fragranze mi fanno venir voglia di fare una specie di degustzione accompagnata.....con uno di questi biscottini ..guarda sento il profumo delicato dell'arancia perfino da qua!
arrivooooooooooooooooo!!!

ps: bellissime le tue teiere! e pure la tazzina è delicatissima!!

Romy ha detto...

@ Kja Ciao, cara! E' vero...il tè al gelsomino è davvero di un'eleganza senza pari, e si abbina bene anche al cioccolato, a mio parere....Un abbraccio affettuoso! :-)

@ Susina Strega del Tè Volentieri! Purtroppo sono di corsa...poi con calma approfondirò l'argomento...Baci baci! :-)

@ Pippi Grazie dell'entusiasmo con cui accogli ogni mio nuovo post! Un bacione ! :-)

Francesca ha detto...

Adoro la Tarte Tatin...grazie!
Anch'io ho un piccolo pensierino per te, vieni a trovarmi...spero di possa piacere!
Un saluto affettuoso

Maya ha detto...

mi è venuta una gran volgia di tè ;-D

Fantasilandia ha detto...

Ciauuuuuuuuu Romyyyyyy
Mi piace da morire Pompadour!!!
Ho letto le info sul thè, a me piace tantissimo provarne di vari tipi, e seguendo i tuoi suggerimenti vado in erboristeria a cercare.
Ma passiamo al pezzo forte del post : Sables all'arancia.
Che bontàààààà
Io conoscevo una ricetta similare ma, l'eccezionale variante dell'arancia!!! Bravissimaaaaaaaa
Baciuzziiiiiiiiiiii

Francesca ha detto...

dei sablé adoro la sabbiosità marina
di quel té adoro i fiori e la poesia che si infonde dentro.
grazie cara, buon pomeriggio

Romy ha detto...

@ Francesca Arrivoooo! Grazie della tua gentilezza...buona serata! :-)

@ Maya Bene! Sono contenta di averti invogliato all'infuso che fra tutti preferisco! Bacioni :-)

@ Fantasilandia Ciao, tesoro! Ci sono anche dei siti davvero belli dove acquistare il tè, avendo tutte le informazioni ed i chiarimenti del caso. Io, ad esempio, a volte mi servo da Teaway: hanno degli ottimi prezzi: i tè ti arrivano sottovuoto, col sacchettino dove riporli una volta aperti, e le spese di spedizione sono davvero modiche: anche solo 1,90 in più! Un abbraccio! :-)

Cianfresca ha detto...

Sai che adoro le tue teiere di vetro!?!?! Sono meravigliose!!

Romy ha detto...

@ Cianfresca Ti piacciono? Anche a me, tanto....amo il contrasto tra la loro apparente fragilità e le linee sinuose, e la capacità di sopportare le alte temperature: mi piace il velo di goccioline che si forma sul tappo, la trasparenza del tè che puoi seguire in tutte le fasi di preparazione...Insomma...vale davvero la pena di averne una: anche se non si ama il tè, sono bellissime per le tisane, o la semplice camomilla...o anche per servire un caffè un po' speciale! bacioni :-)

Marina ha detto...

La teiera che si chiama Pompadour mi è piaciuta moltissimo e anche i sablés. Li proverò e per adesso buona scrittura di questo blog davvero intrigante. E non solo per il cibo.

Romy ha detto...

@ Marina Benvenuta! Ho visto il tuo blog...ma è fantastico! E poi, si sa....tè e pettegolezzi vanno a braccetto! Dato che è la prima volta che ci incontriamo, ti offro, come sono solita fare, qualcosa...credo che opterò per dei biscottini di pasta frolla con un semplice tè di Ceylon, ma...servito in questa tazza!

http://www.solocosebelle-antiques.com/dettagli.asp?sid=43643509820090130201843&idp=105&categoria=1


Si tratta della tazza prodotta per il matrimonio di Carlo e diana...più gossip di così!


Sono contenta che la teiera Pompadour ti sia piaciuta: come poteva essere altrimenti, visto che porta il nome di una donna che è stata protagonista incontrastata della corte di Francia? Un caro saluto....torna a trovarmi! :-)