lunedì 11 gennaio 2010

Pennette alla spigola


Ancora pesce...questa volta un primo facile, facilissimo, e, a dispetto del nome, neanche troppo costoso...bastano infatti due piccole spigole per mettere a tavola quattro persone: vi assicuro che il profumo di questa pasta, se siete amanti del pesce, ve lo ricorderete per diverso tempo....se il pesce non lo amate, invece, ....chissà che questa non sia la volta buona!

Pennette alla spigola ( dosi per quattro persone )

2 piccole spigole
cinque cucchiai di olio EVO
due spicchi di aglio
vino bianco ( io ho utilizzato un grecanico, dal costo contenuto, ma sapido e aromatico, lo stesso che poi ho servito in tavola )
quattro, cinque belle foglie di alloro freschissime
un cucchiaio di concentrato di pomodoro o due di passata
100 g di panna ( io ho utilizzato quella vegetale )
mezzo dado
poco sale
pepe di macina
prezzemolo fresco tritato, o secco
pennette

Pulite le spigolette, mettetele a lessare in modo che le carni siano cotte, ma non troppo. Io, ad esempio, per mantenere il più possibile intatti i profumi e la consistenza delle carni, le metto nel cestello per la cottura a vapore, nella pentola a pressione, con pochissima acqua, mezzo dito appena, per tre minuti circa...

Fatele freddare in modo che possiate manipolarle senza scottarvi....quindi togliete lische, pelle, branchie....tutto! Terrete soltanto le polpe, che, ripeto, dovranno essere tenere ma non disfatte: la cottura si completerà, infatti, nel tegame.

Prendete un tegame a sponde alte, tipo wok: fate scaldare l'olio con l'aglio che toglierete o, se farete come me, spremerete fin da subito con lo spremiaglio, per estrarne i profumi eliminando le parti meno digeribili.
Appena l'olio si scalda, ponete nel tegame la polpa del pesce col dado sbriciolato, alzate quindi il fuoco in modo che si insaporisca bene....sempre a fuoco alto, mettete una generosa spruzzata di vino bianco, un vino che non sia troppo aspro, e fate evaporare.

Aggiungete quindi le foglie di alloro spezzettate grossolanamente con le mani ( ognuna in tre/quattro pezzi ) e il pomodoro. Fate cuocere per cinque minuti a fuoco medio.

A questo punto spegnete ed unite la panna. Nell'aggiungere le penne, che farete saltare velocemente nel sughetto, toglierete le foglie di alloro: aggiusterete poi di sale, spolvererete di pepe di macina e cospargerete di prezzemolo tritato: secco va benissimo, ma è molto meglio se utilizzerete quello fresco.

Se vorrete, completerete anche con un filo appena di olio a crudo, a donare al piatto bellezza e fragranza!

Servite ben calda, e buon appetito!




12 commenti:

Denise ha detto...

mmmmmmmm...che bell'aspetto!!! Non le ho mai assaggiate le pennette alla spigola, bella idea!

Onde99 ha detto...

Sai che non ho mai assaggiato la spigola? Ebbene sì, credevo fosse estremamente costosa. Ma se mi dici che è abbordabile, beh, quasi quasi ci faccio un pensierino!

papavero di campo ha detto...

dai facciamo uno scambio culinario? due belle pennette tue con quelle degne spigolette e due fette del mio zampone col carciofo ripieno, in modo che ciascuna possa deliziarsi con la ricetta altrui!
bella proposta e condivido pienamente di cuocere il pesce in due fasi distinte,
e ci vedrei bene pure dei garganelli

desperate.viz ha detto...

ottima ricetta e bellissime foto!

essenzadivaniglia ha detto...

Hanno un aspetto delizioso!
Sono molto contenta che sei tornata a scrivere sul tuo blog.
un bacio e buon anno!

manuela e silvia ha detto...

La pasta con il pesce ci piace moltissimo: leggera ma gustosa allo stesso tempo!
davvero un'ottima idea!
bacioni

Romy ha detto...

@ Denise Sì, sono davvero gustose, e soprattutto permettono di fare bella figura in breve tempo! baci :-)

@ Ma dai! Sai, c'è da dire che c'è spigola e spigola....se vai a toccare quelle di mare...e insomma! Non è che siano proprio abbordabili! Ma se prendi due spigoline piccole di allevamento, con sei, sette euro riesci a fare quattro bei piatti di pasta di tutto rispetto! Aggiungo uno sformato, un bel dolcino, magari al cucchiaio, e metti su una buona e bella cenetta, senza salassarti e soprattutto velocemente! Baci :-)

@ Papavero di campo E dai! facciamolo questo asse culinario! E l'idea dei garganelli, mia cara amica....mi sconquinfera assai! un abbraccio! :-)

@ Desperate.viz Grazie! buona giornata e un bacione! :-)

@ Essenzadivaniglia Anche io sono molto contenta di ritrovarti...come va? Spero bene....baci! :-)

@ Manuela e Silvia Sì..in effetti, specialmente se si limitano i grassi animali aggiungendo panna vegetale, questa pasta risulta abbastanza leggera...Un abbraccio! :-)

Simo ha detto...

Buono e leggero questo piattino...complimenti cara!!!!!!
Mi hai fatto venire fame.......

fantasie ha detto...

Buone e neanche tanto caloriche (se si esclude la panna...). Me ne mangerei un piatto anche ora... in barba ai mie ... chili in più!
Baci

Claudia ha detto...

Wowwww a me piacciono molto i primi piatti in bianco di pesce... La spigola è davvero molto buona.. l'ho mangiata soo 1 volta.. da rifare senz'altro.. e anche con la ta ricetta!!! :-)) buona giornata e passa spessa trovarmi!

Romy ha detto...

@ Simo Grazie! E per la fame purtroppo non posso fare niente, io di qui....tranne che offrirti virtualmente un piattino di questa pasta, ma credo...sia un po' poco! ;-P Bacetti :-)

@ Fantasie Psss....ti dico un segreto! Come vedi dalla foto il sughetto è abbastanza asciutto... infatti io di panna vegetale ne avevo messa proprio una punta, tanto per insaporire e per legare....ho messo però la ricetta come andrebbe fatta, nella versione più "succulenta", diciamo...ma se vuoi metterne molta meno, di panna, puoi farlo...la pasta verrà più asciutta, meno cremosa, ma ugualmente molto molto buona! un abbraccio :-)

@ Claudia Certo che verrò a trovarti! Ti abbraccio e ti ringrazio della visita...a presto! :-)

colombina ha detto...

che meraviglia il pesce!!! Questo primo mi sembra ottimo, adatto anche a questo periodo di dieta!!! Brava