giovedì 4 dicembre 2008

Polpettone in carta forno.


Questa ricetta è nata dall'incontro con un'anziana, simpatica signora, Miranda, che anni fa venne a trovare i miei suoceri insieme ad una loro parente. Era una donna energica e davvero buffa, una vera forza della natura: gioviale e sorridente, era appassionatissima di cucina e, pur in età avanzata, amava sperimentare e non fermarsi ai soliti piatti, cosa che fanno la maggior parte delle signore a quell'età. Mi raccontava che aveva una figlia perennemente a dieta, fissata con la linea e maniaca della salute: per invogliarla a mangiare quando veniva a trovarla con la famiglia , si era inventata questo metodo di cottura per ridurre al minimo i grassi utilizzati...che forza! ( visto, soprattutto, che aveva quasi ottant'anni... ). Partendo dall'idea della cottura nella carta da forno, poi io ho elaborato una mia ricettina personale con cui, a volte, riutilizzo qualche avanzino...è una ricetta che dà risultati sempre diversi, a seconda degli ingredienti utilizzati: quindi, la si può presentare in tavola anche a distanza di pochi giorni e...non se ne accorgerà nessuno!

Procuratevi un bel foglio di 60/70 cm di carta forno. Poi prendete

La mollica di un grosso panino
un uovo ed una chiara
20 g di parmigiano
20 g di pecorino romano o altro formaggio da grattugia
240 g (una vaschetta) di ricotta, vaccina ,o mista, o addirittuta tutta di pecora
300 di carne: meglio che non sia di maiale! Si può utilizzare macinato di manzo o di vitella, pollo, tacchino ( anche già cotti ), mescolando vari tipi, oppure utilizzandone uno solo, a seconda dei gusti e di cosa abbiamo a disposizione
1 cucchiaio colmo di prezzemolo
qualche foglia di basilico e un pizzico di erba cipollina ( ma anche qui alle spezie si può dare il proprio tocco personale )
sale, pepe ( volendo, anche noce moscata )
Ammollate il pane nel latte, e strizzatelo bene. Tritate fini nel mixer i formaggi, aggiungete il pane, sempre frullando, poi la ricotta, le carni, le spezie, le uova, sale, pepe...il robot dovrà continuare a lavorare fin quando non si avrà un impasto morbido e cremoso, simile ad un densissimo purè. Nel caso risultasse troppo liquido, aggiungete poco pan grattato, e fate riposare; se, cosa molto improbabile, fosse troppo sodo, aggiungete qualche cucchiaino di latte.
Bagnatevi bene le mani, prelevate dalla ciotola del mixer l'impasto e mettetelo sulla carta forno, partendo dalla zona vicina al margine inferiore, al lato stretto, intendo. Date una forma a cilindro, e cominciate a chiudere la carta. Arrotolate il cilindro per tutta la lunghezza fino ad esaurire la carta da forno: a quel punto, prendete le due estremità e "strizzatele forte" a formare una stretta caramella. Mettetela in uno stampo da plum cake: dovrà mantenersi in forma e ben chiusa, quindi se ci sono spazi vuoti, riempiteli con pallottoline di alluminio, affinchè la caramella resti ferma. Più o meno...così:


Infornate per 50 minuti in forno ben caldo a 180°. Quando il polpettone sarà freddo, srotolate la carta forno e vedrete che i grassi di cottura sono rimasti tutti lì! Inoltre, nessun grasso in più è stato aggiunto, e il tutto è cotto negli umori della carne e dei formaggi.
Servite freddo con insalata e pomodorini con , se lo gradite, un fiocco di maionese: ma anche riscaldato sulla griglia a fette, con verdure cotte tipo spinaci: o, addirittura, ripassato in una fresca e veloce salsina di pomodoro...scatenate pure la vostra fantasia!

P.S. Ho notato che questo polpettone viene particolarmente gustoso ed "estivo"con il connubio pollo/tonno al naturale...le proporzioni sono 220 g di pollo ( anche già lessato ) e 80 g ( una scatoletta piccola ) di tonno al naturale

12 commenti:

Mirtilla ha detto...

io ne vado pazza,ed in inverno lo preparo spesso ;)

manu e silvia ha detto...

buonissimo questo polpettone, poi ccotto con la carrta da forno mantiene meglio anche la sua consistenza!!
davvero un'ideaona!!
bacioni

Onde99 ha detto...

Senti, il polpettone è buonissimo, ma hai soprattutto dei bellissimi piatti: dove li hai presi? Sai che ieri mi sono spulciata buona parte del tuo blog e mi ha fatto un certo effetto leggere che frequenti posti dove vado anch'io, come La Via del The e, soprattutto, il VV market, che è il mio pusher di prodotti etnici!!!

Romy ha detto...

@ Mirtilla anche io lo preparo spesso, anche perchè lo si può conservare in frigo per due o tre giorni e, all'evenienza, anche surgelare! Baciotti

Romy ha detto...

@ Manu E Silvia Grazie! Io mi trovo molto bene a farlo così, lo si può affettare anche molto sottile e si mantiene sempre ben in forma! Vi abbraccio

@ Onde99 Mi piace tanto scoprire ingredienti nuovi, e conoscere la cucina di altri paesi: quindi, per noi toscani,il VV market di Firenze è un must! I piatti li ho presi ad un negozio che li faceva a un prezzo ragionevole, perchè avevano dei piccoli difetti, altrimenti...sarebbero stati un po' carucci, almeno per le mie tasche! Un bacione

papavero di campo ha detto...

questa tecnica di cottura mi piace molto, la appresi da alcune puntate della prova del cuoco ed è molto soddisfacente, si può anche mettere a bollire nell'acqua o in un brodo vegetale,
niente grassi e una grande resa dei sapori che vengono preservati , non solo, mi pare anche di una certa raffinatezza!

ps: frequentato da sempre, il vivimarket:)

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Spesso e volentieri lo preparo con il macinato di vitello. E' una ricetta pratica e gustosa :-)

Romy ha detto...

@ Papavero di Campo Mitico Vivimarket....la Prova del Cuoco è da sempre una fonte di spunti: è davvero una trasmissione preziosa! Purtroppo la mandano in onda in un orario in cui posso vederne O l'inizio, O la fine! Buon W.E. e un bacione grande :-)

@ Twostella Anche secondo me, il macinato di vitello è davvero delicato, in queste preparazioni. Buon W.E. anche a te, carissima Twostella! :-)

a.o. ha detto...

Cara Romy, molto utile la tua ricetta: gustosa e con pochi grassi. E' bene mantenersi leggeri in questi giorni, da qui a poco ci attende un impegno gastronomico "considerevole".
un saluto
a.o.

Nonna Papera ha detto...

Ciao Romy,
Nonna Papera ha pubblicato il tuo post!
Grazie
Un bacio
Panna (Mara)

http://ildiariodinonnapapera.blogspot.com/2008/12/nonna-convilia.html

Rossa di Sera ha detto...

Romy, conserverò la ricetta per l'eventuale dieta dopofeste! Mi sembra ottimo anche il polpettone!
Baci!

Romy ha detto...

@ Aiuola Odorosa Vedo che hai intenzione di darti da fare, a Natale! Anche io, per il cenone, ho delle ideuzze niente male...Baci baci :-)

@ Pan di Panna Mara, tesoro, grazie della segnalazione, e grazie delle bellissime parole con cui hai presentato il mio post! Ti sono molto grata per l'attenzione e la passione con cui hai accolto questo mio racconto... Ti abbraccio forte! Buon W.E., e un bacio grande anche a nonna Delizia! :-)

@ Rossa di Sera Grazie di essere passata a farmi visita, cara Rossa! Bacioni e buon fine settimana! :-)