lunedì 15 settembre 2008

Swedish balls...




...ovvero....le polpettine dell'Ikea! Lo so che molti leggeranno queste mie parole e arricceranno il naso...ma andare all'Ikea è una delle cose che mi diverte di più, e che più stimola la mia fantasia, anche culinaria.Secondo me, sono stata una dei primi temerari in Italia ad assaggiare queste meravigliose polpettine, buone e soprattutto "riproducibili", il che non guasta. Nel piatto mettono allegria: rotonde e lucide loro, con quella crosticina che fa tanto "mangiami mangiami" : rotonde le patatine lesse, mai così appetibili... Rotondi i mirtilli rossi, che accompagnano perfettamente col loro sapore dolce-asprino-amarognolo la carne così preparata, e che danno un meraviglioso effetto colore, contrastando, brillanti e vivaci, con la sontuosa crema alla panna, dalla texture vellutata...una vera gioia per gli occhi e per il palato!
Perfette per una cenetta a due, magari d'inverno che fa tanto" fuga romantica per una sera a Stoccolma", ma anche come piatto "alternativo" da affiancare, durante le feste, a quelli più tipici e tradizionali, sono anche molto scenografiche, specie se presentate in larghi piatti monocolore.
Potrei mettervi la ricetta per la composta di mirtilli rossi, ed anche quella per la salsa alla panna; del resto è facile immaginarle: nel primo caso si tratta di una confettura cotta velocemente e a bassissimo contenuto di zucchero: nel secondo, basta aggiungere al fondo di cottura delle polpettine, dopo averle opportunamente tolte dalla teglia, della crema di latte ( che cos'è, se non la panna da montare non zuccherata?...), grattando bene il fondo e mescolando qualche minuto a fuoco basso.
Ma....per semplificarvi la vita vi consiglio di comperare all'Ikea la confettura di mortelle (mirtilli rossi) e anche il preparato per la salsa alla panna (procuratevi anche della crema di latte da aggiungervi, meglio se senza colesterolo! ). Costano pochi euro, e sono utilizzabili in molti modi ( ve ne suggerirò qualcuno, con l'andare del tempo! )
Questo non è proprio un atteggiamento purista...embè? Vi farà risparmiare del tempo: e quindi vi permetterà di sedervi a tavola più riposati e sorridenti, che non è poco!

250 g di macinato di suino
250 g di macinato di manzo di buona qualità
1 cipolla rossa o bianca piccola
la mollica di un panino ,o 4 fette di pan carrè private della crosta
olio di semi di girasole
pepe,sale
spezie miste ( origano, prezzemolo, ma anche noce moscata, cannella... ) un bel pizzico
1 uovo
3 cucchiai di crema di latte (vedi sopra)
eventualmente: poco pan grattato
Poi, naturalmente, le due salse ( le acquisterete una in barattolo, l'altra in busta a cui aggiungere acqua e panna: o le farete da voi, nel modo che ho suggerito prima...), e le patatine lesse.

Tritate finissima la cipolla e soffriggetela dolcemente per diversi minuti in 2 o 3 cucchiai di olio di semi.
Intanto sbriciolate la mollica e bagnatela con la panna,aggiungendo se non bastasse un cucchiaino di latte
Mescolate i due tipi di macinato, aggiungete l'uovo, il sale, il pepe, il misto di spezie, il pane e la cipollina una volta freddata.
Mescolare con forza il tutto: il composto deve risultare morbido e compatto: se troppo acquoso aggiungere una spolverata di pan grattato, se troppo duro uno o due cucchiai di latte.
Far riposare l'impasto per un quarto d'ora.
Preparate il forno ben caldo a 200°.
Inumidendovi spesso le mani con acqua e aiutandovi con un cucchiaio, preparate col composto delle polpettine grandi come una noce , disponendole abbastanza vicine in una teglia con carta forno.
Irroratele poi con un filo di olio di semi.
Infornate e cuocete per 20/25 minuti, fino a che non saranno ben dorate.
Disporre sul piatto di portata con patate novelle lesse , la salsa ai mirtilli e, calda, la salsa alla panna.

2 commenti:

VerdePomodoro ha detto...

già...fa molto atmosfera stoccolmina.... che sogno! :)

Romy ha detto...

Ciaooo! Un commentino ad un mio vecchio post! Mi fa piacere! Queste polpettine sono davvero una meraviglia...anzi...ora che ci penso è un po' che non le cucino...vuoi vedere che il fine settimana...? Un abbraccio! :-D